laboratori

2010, ottobre, novembre, dicembre; 2011, 28 giugno.
Il giardino nel tempo. Perugia: dalla Cupa alla Cuparella di Pietro Porcinai al Campaccio e oltre

Nel luglio del 2007 il Comune di Perugia approvava un “Progetto di rifunzionalizzazione e di riqualificazione dei Giardini del Campaccio”, come veniva chiamato il parco dimenticato realizzato da Pietro Porcinai e da lui stesso ribattezzato ‘Cuparella’ dal nome dell’antico viottolo della ‘Cuparella di sotto’. Tale progetto ignorava l’intervento a suo tempo operato da Porcinai – ancora ben visibile nel modellamento dell’antica scarpata con i percorsi e gli spazi di sosta, e nella relazione percettiva con l’imponente fondale di pietra della cinta muraria – che nell’autunno del 1948 era stato incaricato dal sindaco Aldo Manna di sistemare a parco l’area della Cupa nel versante più scosceso della cinta urbica, dove le mura medievali si erano sovrapposte a quelle etrusco-romane.

La sobria soluzione prospettata da Porcinai, date le difficoltà oggettive del sito e le condizioni economiche del dopoguerra, mirava a creare tutto attorno alla soggezione delle poderose mura etrusche un parco di lecci, ulivi e cipressi. Un brano di bosco e di paesaggio agrario interno alla città, integrativo dello straordinario patrimonio storico-archeologico preesistente e contemporaneamente proiettato verso le aree del futuro sviluppo urbano. Promosso dall’Associazione Pietro Porcinai nella finalità di aprire un tavolo di discussione e di confronto sul destino del parco della Cuparella, si costituì nel 2010 un gruppo di lavoro patrocinato dalla Regione Umbria e della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Umbria e composto da Elisabetta Cereghini, Mara Filippi, Marina Fresa coordinatrice dei lavori, Giulia Giacchè, Luciano Giacchè, Sofia Varoli Piazza. Si avviò conseguentemente un confronto con l’Amministrazione comunale, l’Associazione Per Perugia e oltre…, il FAI, il Dipartimento Uomo&Territorio dell’Università di Perugia e altre associazioni perugine, fra le quali il Garden Club, presenti e attive sul territorio.

Dalla disponibilità degli Amministratori e dei Tecnici del Comune, delle Associazioni, dei professionisti, degli studiosi e dei cittadini ad un confronto prese vita presso il Comune di Perugia il laboratorio “Il giardino nel tempo. Perugia: dalla Cupa alla Cuparella di Pietro Porcinai al Campaccio e oltre…” articolato in tre incontri (ottobre, novembre e dicembre 2010) e un seminario conclusivo svoltosi il 28 giugno del 2011 intitolato “La Cuparella non si salva da sola”, con la partecipazione di Luigi Latini, Presidente dell’Associazione Pietro Porcinai ONLUS, dello storico dell’arte Bruno Toscano, degli autori del Laboratorio e di Massimo Minelli. La giornata si concluse al tramonto, lungo i sentieri della Cuparella, con la mostra fotografica di Laurent Kalfala. L’esperienza ha suscitato un rinnovato interesse per l’opera di Pietro Porcinai inducendo la Regione Umbria ad inserire nei suoi programmi di valorizzazione dei giardini la ricognizione di tutti i giardini progettati da Porcinai nel territorio umbro.

Address: Via Bandini n.15 | 50014 Fiesole (FI) Italy |  Show on map  | Call Us Now: (+39) 055.474.283 | Contact: info@asspietroporcinai.it

Copyright © Associazione Pietro Porcinai. All Rights Reserved. All images are copyrighted and are owned by the Archive Porcinai.

Site by im/studio