Lo Statuto

Statuto

 

Dott. Bernardo Basetti Sani Vettori – Notaio

Viale Mazzini n. 56 50132 Firenze

Tel 055/2479624-484 – Fax 055/2638360

 

Statuto dell’associazione Pietro Porcinai onlus:

 

Denominazione – Sede – Durata

 

Art. 1: E’ costituita un’Associazione a carattere culturale non avente fine di lucro denominata “ASSOCIAZIONE PIETRO PORCINAI”.

L’assemblea degli associati potrà emanare regolamenti per disciplinare, in armonia con in presente statuto, gli aspetti ulteriori dell’organizzazione dell’Associazione.

 

Art. 2: L’Associazione ha sede in Fiesole (FI), e l’ambito operativo è quello nazionale ed internazionale; l’eventuale trasferimento della sede sociale potrà essere deciso con delibera del Consiglio Direttivo e non richiederà formale variazione del presente statuto.

Con deliberazioni assunte dal Consiglio Direttivo possono essere istituite in Italia sedi secondarie, delegazioni ed uffici.

 

Art. 3. La durata dell’Associazione è illimitata.

 

Art. 4: L’Associazione persegue i seguenti scopi e finalità:

  1. far conoscere e valorizzare la figura e l’opera del paesaggista fiorentino Pietro Porcinai (1910-1986);
  2. promuovere iniziative finalizzate alla conoscenza, tutela e valorizzazione dell’uomo, delle sue opere e del materiale documentario relativo alla sua attività professionale;
  3. promuovere la catalogazione e il restauro dei disegni e del materiale documentario conservati presso “l’archivio Porcinai” secondo criteri scientificamente validi e aggiornati;
  4. promuovere la catalogazione e la tutela delle opere realizzate da Pietro Porcinai in Italia e all’estero, anche mediante la richiesta di dichiarazione di interesse culturale;
  5. vigilare, d’intesa con le Soprintendenze competenti e con gli altri enti territoriali, affinché le opere del paesaggista fiorentino non vengano manomesse attraverso interventi di restauro incongrui o distruttivi e vengano salvaguardati i contesti paesaggistici nei quali sono inserite.
  6. promuovere la conoscenza del paesaggio e del giardino nei suoi diversi aspetti: culturale, sociale, formativo.

 

Art. 5: L’Associazione, alla luce degli scopi e delle finalità sopra espressi ed escludendo tassativamente qualsiasi finalità di lucro, può:

  • promuovere iniziative, esposizioni, mostre, conferenze, informare la stampa e i mass-media, gli Enti locali, sensibilizzare l’opinione pubblica, far conoscere e apprezzare le opere di Pietro Porcinai.
  • organizzare il volontariato culturale;
  • svolgere studi e ricerche, promuovere e realizzare attività culturali, organizzare e gestire progetti nei settori socio-culturale, turistico-ambientale e della formazione professionale;
  • raccogliere i fondi necessari per conseguire gli scopi associativi;
  • svolgere ed organizzare in proprio – o con la collaborazione d’altri organismi ed enti culturali, politici, religiosi, sociali, economici ed istituzionali attività culturali quali incontri, convegni, corsi di formazione, mostre, spettacoli, viaggi e più in generale, iniziative a carattere regionale, nazionale e internazionale;
  • svolgere attività editoriali inerenti alle indicate finalità;
  • porsi quale destinataria di finanziamenti da parte dell’Unione Europea, di organismi comunitari, dello Stato, delle Regioni, di enti o istituti di diritto pubblico e privato;
  • gestire e destinare i contributi eventualmente rogati dalle aziende e dai privati associati e non, secondo i fini istituzionali.

Per il conseguimento di quanto sopra l’Associazione potrà svolgere attività direttamente connesse a quelle istituzionali, ovvero accessorie in quanto integrative delle stesse.

L’associazione potrà garantire la sua collaborazione ad altri enti per la realizzazione di iniziative che rientrano nei propri scopi.

Per il migliore raggiungimento delle proprie finalità, l’Associazione potrà, tra l’altro, gestire e/o prendere o dare in locazione beni, siano essi mobili che immobili; fare contratti e/o accordi con altre associazioni e/o terzi in genere.

Associati

Art. 6: Il numero degli associati è illimitato.

Può aderire all’Associazione ogni persona fisica, senza distinzione di razza, sesso o credo religioso, che condivida le finalità e i principi statutari dell’Associazione.

Possono essere Associati anche enti e associazioni non aventi scopo di lucro le cui finalità siano in sintonia con gli scopi dell’Associazione e che possiedano i requisiti necessari per cooperare alla realizzazione dei fini istituzionali dell’Associazione.

L’ammissione viene deliberata, previa presentazione di domanda scritta da parte del richiedente, dal Consiglio direttivo.

Gli associati si obbligano, in caso di accoglimento della domanda, all’osservanza dello statuto, dei regolamenti e delle deliberazioni degli organi sociali.

Il Consiglio direttivo decide sull’ammissione dei nuovi associati e non è tenuto, in caso di mancato accoglimento, a rendere nota la motivazione all’interessato.

Le iscrizioni decorrono dalla data in cui la domanda è accolta.

L’associato versa all’atto dell’adesione, e per anno solare, la quota sociale annualmente determinata dal Consiglio Direttivo. L’adesione annuale è tacitamente rinnovata salvo recesso o provvedimento di esclusione.

Diritti degli associati

Gli associati hanno i seguenti diritti:

  • partecipare a tutte le attività;
  • eleggere gli organi amministrativi e di controllo dell’associazione;
  • approvare annualmente il bilancio;
  • essere rimborsati delle spese effettivamente sostenute per l’attività prestata per l’associazione, secondo modalità e limiti stabiliti nel regolamento interno.
  • Ogni Associato, persona fisica o giuridica, ha diritto a un (1) voto.

Doveri degli Associati

Gli Associati devono svolgere l’attività in favore dell’associazione senza fini di lucro uniformandosi al principio del volontariato e della gratuità.

Gli Associati si impegnano ad osservare e adempiere alle decisioni contenute in Statuto, Regolamenti e delibere degli organi.

Il comportamento verso gli altri Associati e all’esterno dell’Associazione deve essere improntato all’assoluta correttezza e buona fede.

Gli Associati devono versar quote associative annuali determinate dal Consiglio Direttivo.

Perdita di qualità di Associato

La qualità di Associato si perde:

  • per dimissioni volontarie, che devono essere inoltrate per iscritto alla Presidenza del Consiglio Direttivo;
  • per decesso;
  • per esclusione.

Nei casi indicati in appresso, l’Associato può essere escluso dall’associazione con deliberazione adottata dal Consiglio Direttivo a maggioranza dei suoi membri. Il Consiglio Direttivo almeno trenta giorni prima della delibera di esclusione, provvederà ad inviare al domicilio indicato nel Libro degli Associati una richiesta scritta di chiarimenti contenente gli addebiti mossi all’associato, il quale entro sette giorni dal ricevimento potrà rispondere, ugualmente per iscritto, anche fornendo eventuali giustificazioni.

L’esclusione dell’Associato può essere deliberata nei seguenti casi:

  • inadempimento degli obblighi assunti da parte dell’Associato;
  • morosità, cioè ritardo di tre mesi nel pagamento della quota sociale, con possibilità di reintegrazione con delibera del Consiglio Direttivo, previo pagamento delle quote arretrate;
  • quando, in qualunque modo, abbia arrecato danni morali o materiali all’associazione;
  • inosservanza delle disposizioni previste dallo Statuto o dagli eventuali regolamenti o delle deliberazioni degli organi sociali competenti.

La perdita della qualità di Associato a qualsiasi titolo, non dà diritto a restituzione di quanto eventualmente versato.

Gli Associati hanno tutti diritto di voto e si distinguono in:

  1. Associati fondatori
  2. Associati ordinari
  3. Associati onorari

Sono Associati Fondatori i promotori ed i firmatari dell’atto costitutivo.

Sono Associati Ordinari coloro che aderiscono all’Associazione successivamente alla costituzione e sono in regola con il versamento delle quote associative. L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo determinato.

Sono associati Onorari, coloro i quali sulla base di meriti sociali e/o culturali vengono nominati tali dal Consiglio Direttivo.

 

Organi sociali

Art. 7: Sono organi dell’Associazione:

  • l’Assemblea degli Associati
  • il Consiglio Direttivo
  • il Presidente ed il vice Presidente

Tutte le cariche sociali sono conferite a titolo gratuito ed attribuiscono solo il diritto al rimborso delle spese effettivamente sostenute per conto e nell’interesse dell’Associazione.

 

Art. 8: Partecipazione all’Assemblea

L’Associazione ha nell’Assemblea il suo organo sovrano. In questa sede vengono determinati gli orientamenti generali dell’Associazione e vengono prese le decisioni fondamentali di indirizzo cui debbono attenersi tutti gli organi sociali.

E’ composta da tutti gli associati dell’associazione iscritti nel libro Associati da almeno tre mesi in regola con il pagamento delle quote annuali.

 

Art. 9: Convocazione

L’assemblea si riunisce su convocazione del Presidente.

L’assemblea viene convocata con avviso scritto, contenente l’ordine del giorno, spedito otto giorni prima, con lettera tramite servizio postale, fax o messaggio di posta elettronica, a condizione che sia consentito il riscontro della ricezione, e fatto pervenire agli aventi diritto al loro domicilio.

L’assemblea deve essere convocata entro quindici giorni dalla scadenza del mandato degli organi dell’associazione, al fine di eleggere i nuovi organi.

L’Assemblea deve essere convocata:

  1. almeno una volta l’anno, per approvazione del rendiconto economico e finanziario consuntivo dell’anno precedente e per deliberare le direttive programmatiche per l’anno successivo;
  2. ogni tre anni per il rinnovo delle cariche sociali;
  3. ogni qualvolta il Presidente dell’Associazione lo ritenga opportuno, oppure ne sia fatta richiesta da almeno 1/3 degli Associati o da almeno la metà dei componenti il Consiglio Direttivo.

L’Assemblea inoltre:

  1. elegge il Consiglio Direttivo;
  2. approva gli indirizzi generali dell’attività dell’Associazione;
  3. fissa, su proposta del Consiglio Direttivo, le quote di ammissione ed i contributi associativi, nonché la penale per i ritardati versamenti;
  4. approva i regolamenti che disciplinano lo svolgimento dell’attività dell’Associazione;
  5. discute e delibera su ogni altro argomento di carattere ordinario e di interesse generale posto all’ordine del giorno.

Le assemblee ordinarie si potranno svolgere anche tramite videoconferenza o teleconferenza.

L’assemblea straordinaria, convocata dal Presidente dell’Associazione:

 

Art. 10: Validità dell’assemblea

L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione, o, in sua assenza, dal Vice Presidente. In mancanza di entrambi da un Associato scelto tra i presenti.

Il Presidente è tenuto a constatare la regolarità delle deleghe, il diritto di intervento e di voto in assemblea. Il verbale della seduta assembleare sarà firmato dal Presidente e dal Segretario.

L’assemblea degli Associati può svolgersi anche in più luoghi, audio e/o video collegati, e ciò alle seguenti condizioni, delle quali deve essere dato atto nei relativi verbali:

  • che sia consentito al presidente dell’assemblea di accertare l’identità e la legittimazione degli intervenuti, regolare lo svolgimento dell’adunanza, constatare e proclamare i risultati della votazione;
  • che sia consentito al soggetto verbalizzante di percepire adeguatamente gli eventi assembleari oggetto di verbalizzazione;
  • che sia consentito agli intervenuti di partecipare alla discussione ed alla votazione simultanea sugli argomenti all’ordine del giorno, nonché di visionare, ricevere o trasmettere documenti.

In tutti i luoghi audio e/o video collegati in cui si tiene riunione dovrà essere predisposto il foglio delle presenze.

Gli Associati possono farsi rappresentare esclusivamente da altri Associati, mediante regolare delega scritta. Ogni Associato non può avere più di cinque deleghe.

L’assemblea è validamente costituita e delibera con le maggioranze previste dall’art. 21 del Codice Civile.

Per la validità delle adunanze in prima convocazione occorre l’intervento della metà più uno degli Associati.

In seconda convocazione le adunanze saranno valide qualunque sia il numero degli Associati presenti in proprio o per delega.

La validità delle deliberazioni è ottenuta con voto favorevole della maggioranza semplice degli Associati presenti.

Le modifiche al presente Statuto, ai sensi dell’art. 21 c.c., sono deliberate dall’Assemblea Straordinaria con la presenza di un minimo del 75% degli associati, con maggioranza semplice dei presenti, e diventano immediatamente esecutive.

Le votazioni possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto quando ne faccia richiesta almeno un decimo dei presenti.

In caso di votazione a scrutinio segreto il Presidente nominerà fra i presenti una commissione di scrutatori composta da tre persone. Qualora si proceda al rinnovo delle cariche sociali, tra gli scrutatori non dovranno essere presenti candidati alle elezioni.

Gli argomenti trattati e le deliberazioni dell’assemblea sono riassunte in un verbale, redatto a cura del Segretario e sottoscritto dallo stesso e da chi ha presieduto l’assemblea.

Il registro dei verbali è tenuto agli atti ed ogni Associato ne ha diritto alla consultazione, previa richiesta scritta.

 

Art. 11: Consiglio Direttivo

L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo. L’Assemblea elegge i membri del Consiglio fra gli Associati e sarà composto da un numero di membri variabile da tre a undici.

Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni, e cioè sino all’Assemblea che è chiamata ad approvare il loro terzo rendiconto. I membri sono rieleggibili. In caso di dimissioni o decesso di un Consigliere, il Consiglio, alla prima riunione, provvede alla sua sostituzione, chiedendo la convalida di tale nomina alla prima assemblea.

I membri del Consiglio Direttivo possono ricoprire cariche sociali in altre associazioni.

 

Art. 12: Il Consiglio nomina nel proprio seno un Presidente, un Vice Presidente, un Segretario ed un Tesoriere. Il Presidente ed il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere sono rieleggibili. Nessuno compenso è dovuto ai membri del Consiglio. Di volta in volta, il Consiglio può stabilire rimborsi a singoli membri, delle spese effettivamente sostenute in ragione del loro ufficio.

 

Art. 13: Il Consiglio si riunisce presso la sede sociale o altrove, anche attraverso videoconferenza o teleconferenza, con le modalità di cui all’articolo 10, tutte le volte che il Presidente, o in casi di suo impedimento, il Vice Presidente, lo ritenga necessario o qualora ne sia fatta richiesta da almeno un terzo dei suoi membri: si riunisce comunque almeno una volta all’anno per deliberare in ordine al rendiconto economico e finanziario ed al bilancio preventivo.

I membri del Consiglio sono convocati dal Presidente o, in caso di suo impedimento, dal Vice Presidente, mediante invito personale scritto inviato per lettera raccomandata o per fax o per posta elettronica, a condizione che sia consentito il riscontro della ricezione, almeno 5 (cinque) giorni prima di quello fissato per l’adunanza e contenente l’ordine del giorno.

Eccezionalmente e per motivi di particolare urgenza, è prevista la possibilità di convocazioni a mezzo telegramma, fax o posta elettronica, a condizione che sia consentito il riscontro della ricezione, inviato almeno il giorno precedente a quello fissato per l’adunanza.

Le deliberazioni sono assunte con il voto della maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto di chi presiede.

Il Consiglio è presieduto dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice Presidente; in assenza di entrambi, dal più anziano di età dei presenti.

Delle riunioni del Consiglio verrà redatto, su un apposito libro, il relativo verbale, che verrà sottoscritto dal Presidente e dal Segretario. In assenza del Segretario ne farà le veci il più giovane di età tra i membri presenti.

Il Consiglio Direttivo, qualora lo ritenga opportuno, potrà invitare, a scopo consultivo, alle sue riunioni persone particolarmente competenti sugli argomenti da discutere.

 

Art. 14: Il Consiglio è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione, senza limitazioni. Il Consiglio può delegare talune delle proprie funzioni, esclusa in ogni caso la redazione del bilancio, a taluni consiglieri. Esso procede pure alla eventuale assunzione del personale dipendente, determinandone la retribuzione, e può provvedere alla redazione del regolamento per il funzionamento dell’Associazione.

L’osservanza del regolamento è obbligatoria per tutti gli associati.

 

Art. 15: Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio, convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo nonché le Assemblee ordinarie e straordinarie, dà esecuzione alle deliberazioni assunte dal Consiglio e dall’Assemblea.

Il Presidente ha la responsabilità generale della conduzione e del buon andamento degli affari sociali.

Al Presidente spetta la firma degli atti sociali che impegnano l’Associazione sia nei riguardi degli Associati che dei terzi.

Il Presidente può inoltre nominare e revocare procuratori speciali dell’Associazione per determinati atti o categorie di atti.

In caso il Presidente sia impedito all’esercizio delle proprie funzioni lo stesso viene sostituito dal Vice presidente in ogni sua attribuzione.

 

Art. 16: Il Segretario, nominato dal Consiglio Direttivo, affianca il Presidente nello svolgimento delle sue funzioni.

Il Segretario cura il disbrigo degli affari ordinari, svolge ogni altro compito a lui demandato dalla presidenza o dal Consiglio Direttivo, in particolare redige i verbali dell’Assemblea degli Associati e del Consiglio Direttivo, attende alla corrispondenza, cura la tenuta del libro degli Associati, trasmette gli inviti per le adunanze dell’assemblea.

Il tesoriere, nominato dal Consiglio direttivo cura la gestione amministrativa dell’Associazione ed è responsabile del patrimonio dell’Associazione, della quale gestisce entrate ed uscite. Firma i mandati di spesa e coordina le iniziative per il reperimento dei fondi. Coadiuva il Consiglio Direttivo nella redazione del bilancio consuntivo e di quello preventivo.

Le funzioni di Segretario e di Tesoriere possono essere svolte dalla stessa persona che pertanto potrà cumulare i due ruoli.

 

Art. 17: Il Presidente, il Segretario e il Tesoriere hanno facoltà di riscuotere somme e valori, di eseguire pagamenti, di dare e rilasciare quietanze con le modalità indicate dal Consiglio Direttivo. Tali poteri potranno dunque essere delegati, su conforme delibera del Consiglio Direttivo, anche ad altri consiglieri.

 

Gruppi di Lavoro

Art. 18: Il Consiglio Direttivo può dar vita a gruppi di lavoro, composti da Associati ed eventualmente da altre persone ritenute idonee per l’organizzazione di mostre, concorsi, esposizioni ed altre iniziative deliberate dal Consiglio stesso nel rispetto delle finalità dell’Associazione.

 

Collegio dei revisori

Art. 19: L’assemblea può nominare un collegio dei Revisori composto da tre membri effettivi e due supplenti.

I membri del Collegio possono essere scelti anche fra non Associati. I Revisori dovranno accertare la regolare tenuta della contabilità sociale, redigeranno una relazione ai bilanci annuali, potranno accertare la consistenza di cassa e l’esistenza di valori e dei titoli di proprietà sociale e potranno procedere in qualsiasi momento, anche individualmente, ad atti di ispezione e di controllo.

 

Patrimonio ed esercizi sociali

Art. 20: Le risorse dell’Associazione ed il suo patrimonio sono costituite da:

  • contributi degli associati costituiti dalla quota di iscrizione annuale, il cui importo viene stabilito annualmente dal Consiglio Direttivo;
  • residuo attivo derivante da manifestazioni o partecipazioni ad esse;
  • erogazioni liberali in denaro, donazioni e lasciti testamentari da accettare con beneficio di inventario, nonché dai contributi di persone fisiche, giuridiche, associazioni o enti;
  • fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
  • beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell’Associazione a seguito di lasciti, donazioni, legati, acquisti o altro;
  • ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale quale, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, interessi e rendite dei beni sociali, sovvenzioni, donazioni, anche dei sostenitori. Gli eventuali proventi delle attività sociali non potranno essere suddivisi fra gli associati, neppure attraverso forme indirette. L’eventuale avanzo di gestione sarà reinvestito per lo svolgimento di attività istituzionali dell’Associazione e di quelle ad esse direttamente connesse ed accessorie. Il presidente deve attuare le delibere di associazione e compiere i relativi atti giuridici.

 

Esercizio sociale

Art. 21: L’esercizio sociale coincide con l’anno solare e si chiude al 31 Dicembre di ogni anno.

Il Consiglio Direttivo ha l’obbligo di redigere annualmente il rendiconto economico e finanziario dell’Associazione ed il conto preventivo. Il rendiconto deve essere sottoposto all’Assemblea per approvazione entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio ovvero entro sei mesi qualora ricorrano particolari esigenze.

Destinazione degli utili, delle riserve, dei fondi di gestione e del capitale.

 

Art. 22: Gli eventuali utili dovranno essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, gli utili di esercizio, le riserve, i fondi di gestione ed il capitale durante la vita dell’Associazione.

 

Scioglimento e Liquidazione

Art. 23: Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea con il voto di almeno tre quarti degli Associati. L’Assemblea provvederà alla nomina di uno o più liquidatori, preferibilmente fra gli Associati, stabilendone i poteri.

All’atto dello scioglimento è fatto obbligo all’Associazione di devolvere il patrimonio residuo ad altri enti non avnti scopo di lucro che perseguano finalità non dissimili o ai fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996 n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

 

F.to Luigi Latini

F.to Monique Mosser

F.to Claudia Maria Bucelli

F.to Anna Porcinai

F.to Gianni Medoro

F.to Franca Marina Fresa

F.to Paola Porcinai

F.to Bernardo Basetti Sani Vettori Notaio (L.S.)

 

 

Statute of the Pietro Porcinai ONLUS Association

 

 

Dott. Bernardo Basetti Sani Vettori – Notaio in Firenze

Viale Mazzini n. 56 50132

Tel 055/2479624-484 – Fax 055/2638360

 

DESIGNATION HEADQUARTERS AND DURATION

Art. 1: Shall be established a cultural association non-profit making, called “ASSOCIAZIONE PIETRO PORCINAI”.

The associates Assembly shall enact regulations to discipline in line with this Statute, further aspects of the Association’s organization.

 Art. 2: The Association is established in Fiesole (FI) and its area is both national and international; the possible transfer of the registered office shall be decided through deliberation of the Governing Council and shall not request formal variation of this Statute.

By deliberations adopted by the Governing Council, secondary headquarters, delegations and offices may be instituted in Italy.

 Art. 3: The Association’s duration is unlimited.

 

THE ASSOCIATION’S AIM, GOALS AND SPIRIT

 Art. 4: The Association shall have the following goals and purposes:

  1. to make known and enhance the Florentine landscape architect Pietro Porcinai (1910-86) figure and work;
  2. to promote initiatives leading to the protection and enhancement of the man and his works and of the documents related to Porcinai’s professional activity;
  3. To promote the cataloguing and restoration of both the drawings and documentary material stored at the Porcinai Archive following scientifically valid and updated criteria;
  4. to promote Pietro Porcinai’s works cataloguing and protecting in Italy and abroad, even requesting the declaration of cultural interest;
  5. to supervise, in agreement with both the competent Superintendence and other local and regional authorities so that the Florentine landscaper’s works will not be tampered with through incongruous or disruptive restorations and will be safeguarded the landscape context in which they are inserted;
  6. to promote knowledge on landscape and garden in its several aspects such as cultural, social and

 Art. 5: regard to the objectives and purposes abovementioned and mandatory excluding any profit making, the Association can:

  • promote initiatives, exhibitions, lectures, to inform press and mass-media, local and regional authorities to raise public awareness, make known and appreciate Pietro Porcinai’s work;
  • organize cultural volunteering;
  • carry out studies and research, to promote and undertake cultural activities, organize and manage projects in the socio-economical, touristic-environmental and educational training fields;
  • raise the necessary funds needed to cover future Association expenditure;
  • carry out and organize – independently or in cooperation with other bodies and cultural, political, religious, economical, institutional organizations –cultural activities such as conferences, training courses, exhibitions, entertainments, travelling and, more generally, initiatives of a regional, national and international character;
  • engage publishing activities relating to the indicated purposes;
  • set itself as addressee for financing by the European Union, the Community, State, Regions bodies and by Entities and Institutions both public and private;
  • manage and allocate funding eventually conceded by both privates and holdings either associates or not, in accordance with the Association’s policy purposes.

In order to achieve the above the Association shall be able to conduct activities directly connected to the institutional ones, namely, ancillary since complementary of the such.

The Association has the  power of guaranteeing its cooperation with other bodies for the organization of initiatives falling under its own purposes. To better fulfill its own finalities, the Association has power, amongst other things, of administrating and/or giving the lease on immovable or movable property, concluding contracts and agreements with other associations and/or third-parties in general.

 

THE ASSOCIATES

Art. 6: The number of associates shall not be limited. Any natural person agreeing with the Association’s principles and goals, without distinction as to race, sex or religious beliefs, can join the Association.

Also, institutions and associations operating on a non-profit basis, whose purposes are in tune with the Association’s purposes and who fulfill the necessary requirements to cooperate in bringing the institutional aims to become reality shall be associated. Approval shall be deliberated, after submitting a written request by the applicant, by the Governing Council. Associates are required, in the event their application is approved, to the observance of the Statute, regulations and deliberations of the Association’s branches.

The Governing Council shall decide on the admission of new associates and shall not be obliged, in the absence of reception, to make his motivation known to the person concerned. New inscriptions shall run from the date of the requested acceptance. Upon accession, the associate shall pay per calendar year the annual fee, determined by the Governing Council.

The annual membership shall be tacitly renewed unless there is a withdrawing or excluding decision.

Associates’ rights:

Associates shall have the following rights:

  • to participate in all activities;
  • to elect the administrative and supervisory bodies of the Association;
  • to annually approve the budget;
  • to be reimbursed for their actual incurred expenses – actual costs incurred for activity done for the Association by such provisions and limits set out in the internal Rules of Procedure.
  • Every associated, natural or legal person, shall have one (1) vote.

Associates’ duties:

Associates shall carry out the work in the Association’s support non for profit, abide by the principle of volunteering and non-remuneration. Associates shall undertake to observe and abide with the decision under Statute, regulations and deliberations of the bodies. Their attitude towards other associates and outside the Association  shall be totally characterized by absolute probity and good faith.

Associates shall pay their annual membership fees, determined by the Governing Council.

Termination of memberships:

The membership may terminate:

  • by voluntary resignation, which shall be submitted in writing to the Governing Council Presidency;
  • upon death;
  • by exclusion.

In the cases set out below, the Associate may be excluded from the Association by deliberation taken by the Governing Council by a majority of its members. The Governing Council, at least 30 days before the exclusion deliberation, will send to the domicile indicated on the Associates’ Book a written request for clarifying the complaints addressed to the Associate who shall answer in writing, providing his/her justifications, within 7 days of its receipt.

The Associate exclusion shall be deliberated in the following cases:

  • the Associate’s failure to meet his undertaken obligations;
  • late payment, namely delay of more than three months in the year fee payment, with the possibility of reintegration, subject to the payment of the prior fees/tranches payment, by deliberation of the Governing Council;
  • when, the Associate caused either moral and material damage to the Association;
  • Non-compliance with the provisions contained in the Statute or in different legal rules or deliberations of the competent Association branches;
  • loss of membership for any reason whatsoever shall not be eligible for refunds in respect of the fees already payed;

Associates(are all entitled to vote and are distinguished in:

  1. founders associates
  2. ordinaries associates
  3. honorary associates
  • are founders associated with those who promoted and signed the constitutive founding act;
  • are ordinaries associated with those who adhere to the Association after its constitution and are in order with quotas payment. Membership to the Association shall be of unlimited duration and shall not be initiated for a fixed period;
  • are honorary associated with those who are on social and cultural based merits shall be appointed by the Governing Council.

 

GOVERNING BRANCHES

 Art. 7: The Association’s Governing Branches are:

  • the Associates’ Assembly
  • the Governing Council
  • the President and the Vice-President

All the social charges shall be conferred on a royalty-free basis and shall assign only the right to reimbursement of the expenses actually incurred on account and behalf of the Association.

 Art. 8: Participation in the Assembly

The Association has in its Assembly its sovereign power. Here it shall be determined all the Association’s general guidelines and shall be taken all the basic decisions to be adhered to by all the social members. The Assembly is composed of all the Association’s Associates – registered in the Book of Associated members – for at least three months and in order with the yearly tranches.

Art. 9: Convocation

The Assembly shall be convened by the President. The Assembly shall be convened by a written notice, including the agenda, eight days before, by letter by post, fax or electronic mail message, on the condition that the email confirmation receipt will be provided and forwarded to those entitled in their domicile. The Assembly must be called within fifteen days from the expiry of the mandate of the Association’s branches, in order to elect the new officials.

The Assembly shall be convened:

  • at least once a year for approval of the Economic and Financial account balance-sheets for the preceding year and to deliberate the programming guidelines for the incoming year;
  • every three years for the society charges renewal;
  • whenever the president of the Associations deems it appropriate, or whenever this be requested by a third party of the Associates or by at least the half of the Governing Council members.

The Assembly furthermore shall :

  1. elect the Governing Council;
  2. approve the general guidelines of the Association’s activity;
  3. establish, on a proposal from the Governing Council, both the subscription contributions and association contributions together with the penalty for delayed payments;
  4. approve the rules governing the conduct of the Association’s activity;
  5. discuss and deliberate over any other matters of ordinary nature or general interest part of the agenda.

Ordinary assemblies shall take place also through video conference or tele conference.

The Extraordinary Meeting, convened by the Association’s President:

  1. decide on the proposed amendments on the Association’s social status;
  2. decide on the transformation, fusion, termination, liquidation of the Association and its patrimony devolution;
  3. discuss and deliberate over any other matters of ordinary nature or general interest part of the agenda.

 

 Art. 10: The Assembly’s validity

The Assembly shall be chaired by the President of the Association, or, in his absence, by the Vice-President. If neither name is available, by an Associated picked from the attendance.

The president is held to check the regularity of the delegations, the right of intervention and of vote into the Assembly. The Minutes of the meeting shall be signed by the president and the secretary.

The Associates’ Assembly shall also take place in a number of different places, audio and video connected, with the following conditions, of which shall be given note in the corresponding reports:

  • the president of the Assembly has the duty to establish the identity and legitimacy of the speakers, or regulate the gathering’s conducting, to see and proclaim the voting results;
  • the agent has the duty of writing the minutes to perceive adequately the Assembly’s events to be written in the minutes;
  • contributors shall perceive what happening during the Assembly to be written in the minutes;
  • contributors will be allowed to participate to the discussion and to the simultaneous vote on the items on the agenda, together with to obtain access to, receive or submit documents.

An Attendance sheet will be in place in every audio and/or video place connected in which a meeting is going on will have to be in place the attendance sheet. The associates  may be represented exclusively by other associates, through regular written authorization. Every associates shall not receive more than five delegations.

The Assembly shall be legitimately established and shall deliberate following the majorities laid down by the Art. 21 of the Civil Code. For the assemblies to be valid in the first convening, the presence of half plus one of the associates is required. In a repeat meeting the assemblies shall be valid whatever the number of the attendance, themselves or on behalf of someone else by delegation. The deliberations’ validity shall be obtained on a favorable vote of a simple majority of the associates into account. Amendments to the current statute, by the Art. 21 of the Civil Code, shall be deliberated by the extraordinary general meeting with the presence of at least 75% of the associates by simple majority of those present, and becomes immediately executive. Voting is normally by a simple show of hands or by the use of secret ballots, so request by at least one tenth of the members present. In the event of secret ballots the president will appoint among those present a tellers committee consisting of three persons. When the society charges renewal shall be in operation, none of the candidates in elections must be present among the tellers panel. The discussed subjects and every decision of the general meeting shall be summarized in minutes, drafted in the care of the secretary and signed by the same and by who has chaired the House. The minutes register shall be maintained to all acts and every associate has the right to consultation upon written request.

 

Art. 11: Executive Board of Directors

The Association is administered by a Board of Directors. The House shall elect the board members among the associates and it shall be composed of a number of members variable between three and eleven. The Governing Board shall last three years, i.e. up to the House that is called upon to approve the third reporting. Members shall be reelected. In the event of resignation or death of one of its members, the Executive Board, at the first meeting, shall appoint a replacement asking for the validation of such a designation to the first Assembly. The members of the Governing Council may be appointed to suitable positions also in other associations.

 

 Art. 12:

The Council shall appoint, for its part, a president, a vice president, a secretary and a treasurer. The president and the vice president, the secretary and the treasurer shall be eligible for re-election. No fee is due to the Board members. From time to time, the Council may establish refunds to individual members in order of the actual expenditure incurred on account of their assignment.

 

Art. 13:

The board shall meet at the social headquarters or elsewhere including through video conference or teleconference, as provided for in  Art. 10, whenever the President, or, in cases of his impediment, the vice president, considers it necessary, or as may be required by at least a third of its members: it shall meet at least once per year to deliberate on the financial and  economic reporting and the budgeting. The council members shall be convened by the President, or, in cases of his impediment, by the vice president, by means of a written personal call sent by registered mail or by fax or by email, on condition that a confirmation receipt is allowed at least five (5) days before the established date for the Assembly, containing the agenda. Exceptionally, and on the grounds of particularly urgency it shall be allowed for the possibility of call-up cards by telegram, fax or email, on condition that a confirmation receipt would be allowed at least one day prior to the one established for the Assembly.

Decisions shall be taken with the votes of the majority of the members present. If the votes are evenly divided, the person presiding over shall have the casting vote. The Council is chaired by the Chairperson or, in his absence, by the Vice president; in absence of both, by the senior of those present. The Council meetings’ written records, subscribed by the President and the Secretary, shall be drawn up on a dedicated/specific book. In the absence of the secretary the youngest among the members will be the substitute. When the Governing Council shall consider it appropriate, will be able to send out at its meetings, for consultation purposes, persons who have particular competence on the issues to be discussed.

 

 Art. 14:

The Council shall be invested, without restriction, by widest powers for the ordinary and extraordinary Association’s management. The Council may delegate to some councilors certain tasks excluding in any case drafting of the budget. It shall also proceed to the possible staff  recruitment, establishing the remuneration, and may also proceed in drafting the Rules of  Procedure for the Association’s operating. The Regulation observance is mandatory for all the associates.

 

 Art. 15:

The president is the legal Association’s representative in front of the third parties and to trial; he shall convene and chair the Governing Board’s meetings, as well as the ordinary and extraordinary assemblies; he implements proceedings taken by the Council and by the Assembly. The President shall have overall responsibility on conduction and good society’s business outlook. Signing of the association agreements which commit the Association involving both associates and third parties is up to the President. In addition, the President may also appoint or remove the Association’s specialized prosecutors for certain acts or categories of acts. If the President is precluded from exercising his functions the same is replaced by the vice president in all aspects of his action/all his allocations.

 Art. 16:

The secretary, appointed by the Governing Council, complements the President in the performance of his duties.

The secretary shall take care of the day-to-day affairs, shall perform any other delegated tasks by the President or by the Governing Council, in particular he shall draw up the minutes of the Assembly associates and the Governing Council, take care of the correspondence, take care of the keeping of the members’ book, shall transmit calls for the Assembly’s gathering. The treasurer, appointed by the Governing Council, shall take care of the Association’s administration and he is responsible for the assets of the Association, of whom he manages revenue and expenditure. He signs the expenditure terms of office and coordinates the initiatives for funds finding. He shall assist the Governing Council budgeting stocktaking and preventing. Both the secretary’s and treasurer’s duties shall  be performed by the same officer, which accordingly will be able to cumulate those two roles.

 Art. 17:

The President, the Secretary and the Treasurer shall be entitled to collect sums and values, to perform payments, to give and issue receipts on the terms laid down by the Governing Council. Those powers shall be therefore delegated, conforming with the Governing Council deliberation, also to other counselors.

 

WORKING GROUPS

 Art. 18: The Governing Council shall give birth to working groups composed by both associates and additional suitable persons to organize exhibitions, competitions, shows and other initiatives deliberate by the same Council in accordance with the Association’s aims.

 

Board of Auditors

 Art. 19: The Assembly may appoint a College of Auditors consisting of three effective members and two alternate members. Members of the College may be chosen even among non-associated. Auditors shall ensure  the lawful keeping social records, they will draw up an annual budgets report, they might ensure cash consistency, social  assets and property deeds existence, they might proceed at any time, also as individual concern, to inspection and control acts.

 

HERITAGE AND FINANCIAL YEARS

 Art. 20:

The Association’s resources and its assets shall consist notably of:

  • associates’ payments consisting in the social annual application fee, the amount of which shall be annually established by the Governing Council;
  • income credit derived from events of thereto participations;
  • donations in cash, donations and will bequests to be accepted under benefit of inventory, as well as from contributions of natural and legal persons, associations or companies;
  • research grants consisting of budgetary surpluses;
  • movable and immovable property which will become properties of the Association further to bequests, donations, legacies, purchases or anything else;
  • all other revenue contributing at increasing the social active such as, by way of illustrative but non-exhaustive example, social commodities interests and annuities, subsidies, donations, also from supporters.

Any revenues of social activities cannot be distributed among the associates, not even through indirect forms.

Any possible surpluses shall be reinvested for the performance of the Association institutional activities and those thereto directly related and ancillary.

The President must implement the Association’s deliberations and carry out the related legal acts.

 

FINANCIAL/BUSINNES YEAR

 Art. 21:

The business year correspond to the calendar year, ending the 31st December of each year. The Governing Council is required to produce on an annual basis the Association’s economic and financial report and the preventive budget. The balance sheet shall be submitted to the Assembly for approval within four months after the end of the financial year, i.e. six months where specific requirements are fulfilled.

 

APPROPRIATION OF THE PROFIT, OF THE RESERVES, MANAGEMENT FUNDS AND CAPITAL ALLOCATION

 Art. 22:

Any likelihood that profits shall be  used for the implementation of institutional activities and those thereto directly related. It shall be prohibited to distribute, also in direct and indirect way, the operating profits, reserve funds, management founds and the capital money during the Association’s life.

 

DISSOLUTION AND WINDING UP

 Art. 23: The dissolution of the Association shall require the Assembly approval with the vote of at least three quarters of the associates. The Assembly shall appoint one or several liquidators, preferably among the associates, establishing their powers. The Association shall be obliged, on being dissolved, of devoting the remaining assets to other non-profit-making bodies that pursue not dissimilar purposes and for public utility purposes, after hearing the inspection body’s opinion, provided for in  Art. 3, comma 190, of the Italian law No. 662, of 23 December 1996,  unless provided otherwise imposed by law.

 

Signed Luigi Latini

Signed Monique Mosser

Signed Claudia Maria Bucelli

Signed Anna Porcinai

Signed Gianni Medoro

Signed Marina Fresa

Signed Paola Porcinai

Signed Bernardo Basetti Sani Vettori Notaio (L.S.)

 

 

 

Address: Via Bandini n.15 | 50014 Fiesole (FI) Italy |  Show on map  | Call Us Now: (+39) 055.474.283 | Contact: info@asspietroporcinai.it |  Copyright © Associazione Pietro Porcinai. All Rights Reserved. All images are copyrighted and are owned by the Archive Porcinai. | Site by im/studio | This website uses cookies to improve your experience. Read more Here